Home
Dimensione Cultura
Gli smartphone PDF Stampa
Utilità - Punti di vista

Spesso vediamo persone che cenano nei ristoranti, e che, invece di parlare con gli altri seduti al loro tavolo, fissano i loro smartphone. Solo di tanto in tanto, i titolari di smartphone mostrano qualcosa che considerano interessante per gli altri. Queste sono le stesse persone che solo dieci anni fa si divertivano a portare avanti una conversazione. Com'è possibile che così tanti cambiamenti sociali siano avvenuti in così poco tempo? Sembra che le persone godano della vicinanza fisica degli altri, ma preferiscano non condividere i loro pensieri. A causa di questo cambiamento sociale, queste sono le domande che dobbiamo porci. Perché, così in fretta, un miliardo di persone, di così tante culture diverse in tutto il mondo, ha cambiato il proprio stile di vita? Gli smartphone ci rendono più ignoranti?

Negli ultimi decenni diversi siti hanno gareggiato per il titolo di "primo fuoco controllato dall'uomo". In Kenya sono state trovate piccole chiazze di terra arrossata in aree contenenti strumenti in pietra risalenti a 1,5 milioni di anni fa. Per dimostrare che i fuochi della prima pietra dell'età della pietra hanno causato la decolorazione, i ricercatori hanno usato tecniche come l'analisi della suscettibilità magnetica e la datazione della termoluminescenza. Il primo test rileva la terra bruciata misurando le fluttuazioni nel suo campo magnetico; il secondo determina quanto tempo fa un oggetto veniva riscaldato dal fuoco. Pertanto, più di un milione di anni fa, i primi esseri umani vivevano in queste grotte insieme a trenta o quaranta membri. Dal momento che non potevano parlare nessuna lingua, trascorrevano la maggior parte delle serate alla luce del fuoco, probabilmente facendo attività per le occupazioni del giorno successivo o per la prossima stagione. Immagino che le donne cucinavano o fabbricavano con le pelli cose da indossare e gli uomini alimentavano il fuoco o fabbricavano armi per la caccia del giorno dopo. Durante le serate, godevano del confort accogliente della presenza fisica di altri esseri ma raramente erano impegnati nella stessa attività intellettuale. Poi, circa centomila anni fa, alcune persone svilupparono un gene che rese loro facile iniziare a formulare parole e attivare un modo più sofisticato di comunicare. Le persone con questi geni erano così apprezzate che in breve tempo tutti impararono a parlare. Solo poche migliaia di anni fa, la gente viveva nei villaggi e nacquero i primi narratori di storie. Omero, nell'antica Grecia, era uno di loro. Di tanto in tanto, i greci si sedevano insieme ascoltando i narratori e così facendo godevano della presenza fisica di altre persone mentre condividevano le stesse stimolazioni intellettuali. Successivamente, altre forme di intrattenimento simile sono arrivate come giochi, concerti e film.

Ciò che attira maggiormente la mia attenzione è l'era della prima TV negli anni '50 e '60. Questo era il momento in cui c'erano solo pochi canali da guardare e nessun telecomando per rendere facile cambiare i programmi. Era l'ora in cui tutta la famiglia, giorno dopo giorno, sedeva in salotto a guardare gli stessi spettacoli. Durante questo periodo, durato circa trent'anni, le persone, ogni giorno, godevano della presenza fisica degli altri e, al tempo stesso, condividevano le stesse stimolazioni intellettuali.

Poi con l'avvento dei telecomandi, della TV via cavo e delle centinaia di canali tra cui scegliere, si determinò un certo grado di malcontento nel gruppo. C'erano molte scelte da concordare e il ragazzo con il telecomando in mano era determinante. Poi con l'avvento degli smartphone, non è insolito, quando un gruppo di persone si riunisce nella stanza di famiglia, vedere una o forse due persone che guardano la TV e gli altri che guardano i loro smartphone. Ancora una volta, come un milione di anni fa, le persone godono ancora della presenza fisica degli altri, altrimenti si sposterebbero in un'altra stanza della casa, ma ogni individuo è stimolato da una diversa attività intellettuale. Questo potrebbe essere paragonato alla stessa sensazione di comfort vissuta dai proprietari di animali domestici quando sono vicini ai loro cani o gatti.

Possiamo dire che le famiglie, solo per un periodo molto breve, hanno sperimentato la stimolazione comune del loro cervello nel loro salotto. Questo spiega quanto velocemente, un miliardo di persone in tutto il mondo hanno cambiato il loro comportamento. Le persone stanno tornando alle stesse abitudini che avevano sviluppato in quel periodo di un milione di anni fa.

Per quanto riguarda la questione se stiamo diventando più ignoranti, la mia opinione è affermativa. Gli smartphone, con la loro capacità di avere accesso nel giro di microsecondi a quasi tutte le conoscenze che l'umanità ha creato nel corso dei secoli, danno l'impressione che studiare un dato argomento sia una perdita di tempo. È vero che possiamo ampliare le nostre conoscenze se, quando facciamo una ricerca su Internet, decidiamo di dedicare una notevole quantità di tempo a qualsiasi argomento specifico. Ma la maggior parte di noi passa solo qualche secondo a cercare una risposta per soddisfare la nostra curiosità e le informazioni ricevute vengono rapidamente dimenticate. Inoltre, c'è bisogno di una buona base per permetterci di espandere le nostre conoscenze. Questo fondamento può essere acquisito solo da studente in un buon sistema scolastico. La conoscenza e il ragionamento richiedono una correlazione tra molte diverse nozioni e qualsiasi fatto indipendente può essere utile solo in un concorso con quiz. Storia, arte, scienza e tutte le altre scienze umane sono strettamente intrecciate. Sono come piccoli fiumi che si uniscono in un grande fiume e il grande fiume diventa la nostra consapevolezza appena acquisita che ci impedisce di agire esclusivamente con i nostri istinti primordiali. In confronto, le informazioni raccolte rapidamente su Internet sono come gocce di pioggia che cadono sul deserto, incapaci di scorrere insieme e destinate ad asciugarsi sotto i raggi del sole. Questo è uno dei motivi per cui un paese civile ha bisogno di un sistema scolastico pubblico di buona qualità e conveniente.

 

Marcello VENEZIANO

Copyright 2018

 
Leggi di Murphy PDF Stampa
Benessere - Buonumore

Legge dei semafori : Se è verde, non hai fretta .

Prima legge dei viaggi : È sempre più lungo arrivare che tornare indietro .

Non appena hai deciso di parcheggiare a due chilometri di distanza , quattro posti si libereranno simultaneamente sotto casa .

Le qualità che maggiormente attirano una donna ad un uomo , di solito , sono le stesse che lei non può più sopportare anni dopo .

I regali che fai a tua moglie non sono mai azzeccati quanto i regali che fa il tuo vicino a sua moglie .

Se chiedi a tuo marito di comprare cinque cose e poi ne aggiungi una all'ultimo momento , lui si dimenticherà due delle prime cinque .

Le probabilità di incontrare qualcuno che conosci aumentano se sei con qualcuno con cui non vuoi essere visto .

Lava , stira , cucina , fa tutti i lavori di casa , accudisce i figli .. E il marito arriva un secondo dopo che lei si è fermata davanti al televisore !

Quando ti macchi irreparabilmente una maglietta , è sempre la tua preferita !

Quando aspetti con ansia una telefonata , senti uno squillo , non è lei/lui ma è tua madre che vuol sapere come stai !

Il capoufficio arriva sempre nei cinque minuti in cui sei in pausa caffè .

Se il caffè cade , lo fa sempre sul tappeto buono .

Se si perde un numero di una qualsiasi rivista , sarà il numero che conteneva l'articolo che si era tanto ansiosi di leggere .

Se sei di buon umore , non ti preoccupare . Ti passerà .

Le probabilità che un giovane maschio incontri una giovane femmina attraente e disponibile aumentano in proporzione geometrica quando è con :
1) la fidanzata ,
2) la moglie ,
3) un amico più bello e più  ricco .

 

Per l'ultimo esame che devi dare per laurearti non ci sono appelli fino all'anno prossimo .

Metodi sicuri per far arrivare gli autobus :
1. Accendere una sigaretta .
2. Allontanarsi rapidamente dalla fermata .

3. Prendere un taxi .

 

Ci sono due tipi di cerotti : quelli che non attaccano e quelli che non vengono più via .

Dopo aver passato mezz'ora aspettando con la macchina accesa sotto casa della vostra ragazza , spegnerete la macchina esattamente 10 secondi prima che lei scenda .

Legge dell' E-mail : Gli errori non si notano , finché non hai schiacciato“Invia” ...

Qualsiasi sia la tua fila , è sempre la più lenta .

La fortuna è cieca , ma la sfiga ci vede benissimo ... E a volte prende anche la mira .

Quando studi per 4 ore per farti interrogare , il professore ti dice che oggi , solo per questa lezione , non interrogherà nessuno .

Legge sui Computer : Più è urgente il bisogno di usare un computer , più è probabile che esso si inceppi.

Regola del sussurro : La gente crederà a qualsiasi cosa se la sussurri .

Leggi di Montgomery sul “404 error”:  Più hai bisogno di un sito , più è probabile che non esista più .

Quando realizzerai il tuo sogno ... esso non sarà più tale .

 

Legge della gravità selettiva : Un oggetto cadrà sempre in modo da produrre il maggior danno possibile

 

Legge di Gumperson : La probabilità che qualcosa accada e' inversamente proporzionale alla sua desiderabilità .

 

Legge per l'apertura del portone : La possibilità di trovare aperto il portone di casa è direttamente proporzionale alla distanza alla quale si prendono le chiavi di casa per aprire il suddetto portone e inversamente proporzionale all'intenzionalità con cui si compie il suddetto gesto .

 

Teoria del compito in classe : Se lo studente dimentica a casa i fogli protocollo necessari per il compito allora il compito verrà sicuramente fatto ... Al contrario se lo studente li preparerà la sera prima accuratamente allora il compito verrà spostato ...
Riassumendo: A (studente) , fp (foglio protocollo) , C (compito)
A – fc  = C = Grande tristezza
A + fc  = - C = Gioia

 

 

Capita a volte di sentirsi per un minuto felici . Non fatevi cogliere dal panico : è questione di un attimo e poi passa .

 

Teoria di Murphy sul campeggio con gli amici : Quello che russa si addormenta per primo .

Vivi la tua vita in tutte le sue forme , senza giudicarti mai e senza basarti su quello strano concetto di normalità ... perché NORMALE è soggettivo ...

 

Più cerchi la persona giusta più ti accorgi che l'unica persona giusta per te sei tu .

 

Se una cosa può andare peggio , lo farà ...

 

Se cogli un fiore per lei , sicuramente lei è ambientalista .

 

Legge di Cheit : Se aiuti un amico nel bisogno, non si scorderà di te la prossima volta che avrà bisogno .

 

La filosofia di Murphy : Sorridi ... Domani sarà  peggio .

 

Più` il programma e` interessante , più sarà interrotto dalla pubblicità .

 

Seconda legge di Scott : Quando si trova e si corregge un errore , si vedrà che andava meglio prima .

 

Nona legge di Levy : Solo Dio può scegliere a caso .

 
Viaggiando tra le stelle PDF Stampa
Utilità - Curiosità

Viaggiare nello spazio, visitando pianeti appartenenti ad altri sistemi solari con meravigliose vedute e splendide civiltà, è un tema affascinante che è sviluppato in molti romanzi di fantascienza.

Anche gli scienziati non sembrano negare che un giorno, tutto questo sarà possibile. Personalmente non ho mai letto un articolo scientifico che eliminasse questa possibilità. Per questo motivo nei prossimi paragrafi cercheremo di esaminare come sarebbe realizzabile un progetto di navigazione tra le stelle.

Per primo, vogliamo analizzare quali sarebbero le limitazioni di una nave spaziale progettata con il massimo che la scienza potrà mai offrire. Questa astronave userebbe un motore che emette il propellente quasi alla velocità della luce (motore ionico) e come sappiamo questa velocità non può essere superata. Per quanto riguarda la velocità finale, quindi, qualsiasi tecnologia futura non potrà

offrire niente di meglio.
Nella figura seguente è rappresentata un'astronave con motori ionici, cioè motori che accelerano le particelle dell propellente fino circa alla velocità della luce.

Questi motori, che richiedono un lungo tempo (mesi) per raggiungere la velocità finale, forniscono la massima propulsione.

E' importante tenere in considerazione che, fermare l'astronave dopo che ha raggiunto la velocità finale, richiede la stessa quantità di energia o propellente. Se poi si vuole ritornare sulla Terra, l'operazione di accelerazione e riduzione della velocità deve essere ripetuta. In questo caso, solamente 1/4 del propellente potrà essere usato per raggiungere la velocità finale, durante la spedizione e inoltre un quarto della velocità della luce potrebbe esser raggiunto se il peso del propellente costituisse il 100% del peso totale della nave spaziale. Ovviamente questo non è possibile perché, per la lunghezza del viaggio, la parte abitabile dell'astronave dovrà essere spaziosa e finirà col pesare almeno quanto il propellente. Tutto questo ridurrebbe la velocità finale a un ottavo della velocità della luce. Se teniamo in considerazione l'efficienza dei motori, possiamo dire che anche nei migliori dei casi, la massima velocità possibile per compiere il viaggio non supererebbe un decimo della velocità della luce.

Ora che abbiamo progettato questa meravigliosa astronave, capace di viaggiare a un decimo della velocità della luce, dobbiamo scoprire quali nuovi orizzonti si vengono ad aprire per la nostra avventura spaziale.

La stella più vicina da visitare è l'Alfa Centauri a una distanza di 4.2 anni luce. Purtroppo questo sistema solare è composto di tre stelle differenti e non ci sono pianeti da visitare. Il successivo sistema solare è Tau Ceti alla distanza di 11.8 anni luce. Questa stella, con circa il 78% della massa del sole, ha cinque pianeti nella zona abitabile e sarebbe ideale farne la meta di un viaggio di esplorazione. Usando la nostra astronave, il viaggio di andata e ritorno impiegherebbe 240 anni. Questo sarebbe l'equivalente di circa otto generazioni e quindi la longevità dell'uomo non è compatibile con le avventure spaziali. Senza prendere in considerazione tutti gli altri problemi, come la manutenzione delle macchine e dei viaggiatori, è evidente che la navigazione tra le stelle rimarrà un soggetto solamente per la fantascienza.

 

Marcello VENEZIANO

 
SOCIAL NETWORK PDF Stampa
Saper vivere - Altri articoli

Il social network può essere definito come  una piattaforma che consente di gestire sia la propria rete sociale, sia la propria identità sociale. In particolare i social sono caratterizzati da tre elementi:

-La possibilità di costruire ed esibire un proprio profilo che sarà accessibile, almeno in forma parziale, a tutti gli ‘utenti’.

-la possibilità di creare un gruppo, attraverso scelte individuali, cui permettere l’accesso e la comunicazione.

-la possibilità di analizzare e commentare i ‘dati’ che vengono scambiati.

La capacità di offrire numerose opportunità nel campo della convivenza e della comunicazione spiega il successo eccezionale che hanno avuto: di recente l’accesso a Facebook è stato effettuato nello stesso giorno da oltre un miliardo di persone.
Guardando alle statistiche osserviamo le motivazioni più comuni che ne determinano l’ingresso:

-stare in contatto con gli amici           42%

-riempire il tempo   libero                  38%

-amici già presenti in rete                  34%

-conoscere altre persone                   34%

-scambiare battute divertenti             34%

-scambiare foto e video                     33%

-divulgare le proprie opinioni              30%

 

I social ci permettono in pratica:

-di relazionarci con i nostri amici reali superando i limiti del tempo e del luogo.

-ci consentonodi allargare la nostra rete sociale anche a persone che non conosciamo personalmente (amici ‘digitali’, conosciuti tramite il web).

-di decidere come e quando presentarci ai nostri amici, reali o digitali, scegliendo che cosa raccontare, quali immagini presentare, quali aspetti mostrare.

-di scoprire meglio le identità dei nostri amici, sapere che cosa fanno, conoscere i loro interessi e chi frequentano.

E’ bene comunque presentare anche i maggiori aspetti negativi dei social che sono costituiti da:

-mancanza garanzie reali sulla identità degli amici digitali.

-possibilità di comportamenti aggressivi caratterizzati da stalking.

-cyberbullismo caratterizzato da trasmissione di immagini e video sconvenienti ed anche pornografiche di persone conosciute personalmente.

Il successo che hanno avuto i social è dovuto comunque anche al fatto che permettono inconsciamente di soddisfare le maggiori necessità esistenziali dell’uomo.L’elenco dei bisogni che devono essere soddisfatti per arrivare alla cosiddetta autorealizzazione sono stati individuati dallo psicologo Abraham Maslow con una scala gerarchica piramidale che ne indica l’ordine di soddisfacimento. Le prime necessità sono naturalmente di ordine fisiologico e sono quindi fame, sete e sonno, soddisfatte le quali si può passare a quelle successive. Vale a dire al bisogno di sicurezza, protezione e attenzione che nei social diventano la possibilità di scambiarsi informazioni con ‘amici’ in maniera continuativa. Quindi si può passare a quello successivo costituito dal bisogno associativo cioè quello che diventa nell’ambito dei social l’avvenuta costituzione di un centro con finalità comuni a tutti gli ‘amici’. Il successivo è rappresentato dalla necessità dell’autostima per considerarsi rispettosi verso sé stessi e validi anche nel gruppo ed è rappresentato dai rapporti e dai legami che si instaurano con i componenti del social. Infine al vertice della piramide l’autorealizzazione cioè il bisogno di divenire pienamente sé stessi, nonché di occupare una posizione soddisfacente nell’ambito del gruppo.
La possibilità di soddisfare e/o perlomeno di verificare la soddisfazione di certe esigenze è recepita inconsciamente, ma rappresenta un fatto fondamentale perché la loro mancanza produce numerosi effetti negativi nei rapporti umani. Quindi il successo dei social non può essere individuato solo nella novità, nel ‘farsi gli affari degli altri’ e nella voglia di condividere le esperienze altrui.
In conclusione i social, se usati in maniera responsabile, costituiscono una importante opportunità per raccontarsi, per migliorare ed espandere i propri rapporti personali, per generare nuovi interessi ed anche fare pubblicità alle proprie attività primarie e/o cercarne qualcuna, compreso un posto di lavoro poiché il nostro cyberspazio può costituire un valido curriculum vitae anche quando non si ricorre a social dedicati come LinkedIn. Tutto questo fa sì che possano esser visti come un effetto positivo della cosiddetta globalizzazione e considerati parte integrante e molto rilevante di quel processo inarrestabile destinato ad avvicinare le Genti e i Popoli.

 
Indice (limitato ai soli capitoli) e Introduzione del testo di Antonio ALBINO: " ALLA RICERCA DI UN DIO CREDIBILE", reperibile su Amazon.it e liberamente tratto da diMensionecultura.it PDF Stampa
Archivio - Archivio

1.INTRODUZIONE     2.  IL SACRO E LE RELIGIONI   3. IPOTESI DIO    4. VICISSITUDINI DELLA   FEDE    NEL  DIO     DEI  CRISTIANI      5. LIMITI   DELLE    RELIGIONI    6. FENOMENOLOGIA DELLE RELIGIONI  7. LE RELIGIONI  MONOTEISTE   8. LE RELIGIONI ORIENTALI     9  OSSERVAZIONI E RIFLESSIONI     10. CONCLUSIONI

1. INTRODUZIONE

Il primo problema dell'uomo consiste nel conoscere se stesso rapportando tale conoscenza alla società e a Dio, ammesso che se Ne accetti l'esistenza. Ma non è così semplice conoscere e riconoscere tutte le tre entità citate. Noi stessi perché siamo preda dei sentimenti, delle nevrosi, dei condizionamenti prodotti dai mass media, del fatto che inconsciamente rifiutiamo certi nostri limiti come l'adattamento all'ambiente e al diverso e potremmo continuare. Il nostro prossimo è più facile da conoscere ma l'approccio è deludente, non a caso l'opera più recente di un profondo conoscitore di 'anime', Vittorino Andreoli (uno dei maggiori psichiatri italiani), si intitola Homo Stupidus Stupidus. Nel testo si afferma chiaramente: "Distruttività, frustrazione e insicurezza sono le caratteristiche del nostro tempo. Siamo la società della paura e domina la cultura del nemico " "Viviamo in una società dominata dalle frustrazioni”. La sensazione prevalente è quella di trovarsi in un ambiente in cui ci si sente esclusi, ci si sente insicuri, si ha paura. Si accumula cosi la frustrazione, che poi diventa rabbia. E la rabbia sa a cosa porta? Porta alla voglia di spaccare tutto. Il nostro tempo non è violento, è distruttivo”.
Proprio così la società, a cominciare dai luoghi di lavoro, è profondamente falsa e ipocrita. Per non parlare poi degli eventuali rapporti con la religione che può degenerare, dice giustamente il filosofo Alfred Whitehead:” in una formula di convenienza con cui rivestire bellamente una vita comoda e tranquilla”. Pertanto si può arrivare all'affermazione che questo tipo di religiosità non è necessaria a produrre una elevazione trascendente, è molto più importante la spiritualità anche perché la fede quando non è   supportata  dalla  ragione  può   diventare  superstizione. Entrambi i termini si riferiscono alla ricerca del Sacro: si può dire che la differenza fondamentale consista nel fatto che la religiosità indichi soprattutto un tipo di ricerca esteriore, formale, con ossequio, riverenza e con molta fede, mentre per spiritualità se ne intende la ricerca all'interno  di sé con il profondo ausilio anche della ragione. Quindi cercheremo di trovare il Dio che ci ha invitato a pensarLo come 'necessariamente esistente', tra i non-senso della vita; il Dio che ci spinge a sfruttare il sommo bene dell'intelletto e a fuggire l'ignoranza per acquistare sensibilità e conoscenza che ci permetteranno di tornare homo sapiens et religiosus (termine coniato dallo storico Mircea Eliade) anziché homo stupidus stupidus. Cercheremo inoltre di acquisire le basi su cui poggiano le Religioni più diffuse al mondo per analizzarle e studiare il loro condizionamento nella Storia e nella Cultura delle aree in cui sono diffuse. Questa è la strada da intraprendere e che cercheremo di percorrere fino in fondo.