Home Archivio
Archivio


Referendum per l'Approvazione della Riforma Costituzionale PDF Stampa
Archivio

 
La migrazione illegale inizia nel 1492 PDF Stampa
Archivio

 
Summertime ecologica. Per un risveglio collettivo: adotta lo stile etico dello Yoga. PDF Stampa
Archivio

Dopo la giornata mondiale della terra (earth day 22 aprile) e la giornata mondiale dell’ambiente(5 giugno) voluta dall’ONU, rimane ancora una data utile, per aiutare la terra: il referendum del 12 e 13 giugno. Evento importantissimo  per affermare il nostro amore per la terra proteggendola,  dalla distruttività incontrollabile dell’atomo. Risuonano ancora impetuosamente negli strati  più esterni della mia mente,gli  slogan degli  ambientalisti “Una sola poi basta. Non consumiamola.” che da nord a sud corrono in marcia per il paese, in difesa della vita del pianeta terra. E’ un inizio estate all’insegna del rispetto e dello sviluppo sostenibile. Ci auguriamo  che l’uomo diventi presto  consapevole del suo legame vitale ed energetico con l’ambiente, smettendo una volta per tutte di sentirsi padrone e imparando a vivere come figlio della terra e  suo temporaneo passeggero.

La base dello Yoga è il suo fondamento etico, che indica la via per raggiungere una condotta equilibrata ed in armonia con il cosmo. Infatti il l sentiero dello yoga è prima di tutto  un vivere etico, come viene spiegato nei cinque precetti  chiamati  yama( Yoga Sutra di Patanjali). Si tratta di vere  linee guida  di  ogni yoghin , per vivere una vita di realizzazione personale, che andrà anche a vantaggio della società. L ‘ ahimsa o non violenza,  lo yama più conosciuto, si riferisce non solo alla violenza fisica, ma anche alla violenza delle parole o dei  pensieri. What we think about ourselves or others can be as powerful as any physical attempt to harm. Ma questo principio è inteso anche come  devozionale forma di rispetto per le  cose animate o inanimate che ci circondano. Un  comportamento violento e distruttivo,  va sostituito con una tensione pacifica volta alla ricomposizione di ogni conflitto, per ristabilire l’armonia dell’universo. Ecco che allora il legame con l’ecologia diventa sempre più chiaro e che il binomio yoga e ambiente diventa una espressione naturale di un principio antichissimo e fondamentale.

Leggi tutto...
 
Lo Yoga: ginnastica o filosofia? PDF Stampa
Archivio
E' benefico per i muscoli, ma anche per lo spirito. Insegna a mantenere le corrette posture corporee, ma anche ad esplorare il proprio animo. Più che una ginnastica o una filosofia, è un modo di vivere.
Alcuni lo praticano per sport, perché rinforza e tonifica i muscoli; altri come terapia, perché aiuta a far passare il mal di schiena è utile per rilassarsi, perché aiuta ad abbattere lo stress. Si usa per perdere peso, smettere di fumare, dormire meglio… c'è uno yoga per tutti e va bene a tutti. Perfino il Ministero della Pubblica Istruzione ha firmato un protocollo d'intesa per l'introduzione nelle scuole italiane di una pratica per il benessere dei giovani: da circa tre anni tra le attività collaterali di circa 80 istituti, 1500 alunni e 200 insegnanti possono, se vogliono, frequentare corsi di yoga condotti da maestri della materia, che prestano la loro opera su base volontaria. Quel che conta per loro è cercare di trasmettere ai giovani i principi di una disciplina antica di 5000 anni, le cui radici sono in Oriente, ma della quale l'Occidente si è impossessato, a modo suo, trasformandola in moda per élite culturali, ginnastica per casalinghe, forma mistica, ricerca di energia interiore.

Lo Yoga, filosofia complessa, iniziatica (si apprende solo da un maestro), non è niente di tutto questo e contemporaneamente è tutto questo insieme: yoga deriva dalla radice sanscrita "yug", che significa unire, legare insieme; il corpo e l'anima, i muscoli e lo spirito. Significa anche riuscire, attraverso la respirazione, a controllare le emozioni e la volontà. Quelli che lo praticano assicurano che lo yoga permette di migliorare la qualità della vita.

 

I praticanti sono tanti ed in continuo aumento; in America vi si dedicano in massa circa quindici milioni di persone. Fino al 1968 lo yoga era pressoché sconosciuto: in quel periodo fu il fascino dell'India a far conoscere all'Occidente una nuova spiritualità e con essa lo yoga. Da allora il numero di praticanti cresce continuamente; in Italia si è diffuso anche tra gli uomini, all'inizio restii a praticare una disciplina all'apparenza poco razionale. Oggi le proporzioni tra i praticanti maschi e femmine sono praticamente alla pari ed è cambiata la visione che si ha dello yoga. Anche se ancora tanti si avvicinano a questa attività fisica con idee distorte e distanti dalla sua essenza.

Nella pratica ognuno è in grado di scoprirla: se si fa correttamente, già dalla prima volta si "sente" che il movimento non si svolge solo a livello fisico; la consapevolezza del proprio respiro, che si raggiunge attraverso le tecniche che vengono insegnate, permette di passare dai movimenti meccanici alla naturalezza del gesto, che procura una miglior stabilità nervosa, indice di equilibrio psico- fisico, e permette di distaccarsi dalla routine quotidiana.

Con la respirazione, dicono gli insegnanti, si acquista consapevolezza del proprio corpo; yoga dunque ginnastica del corpo e dello spirito insieme, per raggiungere benessere, equilibrio.

Si discute anche sull'effetto terapeutico di questa pratica, ma pochi sono gli studi controllati, anche se i primi risultati vengono definiti incoraggianti, anche se chi sostiene la validità dello yoga si scontra con la visione occidentale (agli antipodi di quella orientale) della medicina, della malattia e della sua cura.

fonte: http://www.sportmedicina.com

 
Le meraviglie del mondo sottomarino PDF Stampa
Archivio

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 5 di 38