Home Archivio Fratelli d'Italia
Fratelli d'Italia PDF Stampa
Archivio

Si legge ancora sui testi di geografia che la pianura padana comprende la parte più ricca d’Italia ed è ancora vero: la cosiddetta ‘padania’ non esiste. I leghisti stiano tranquilli, l’Italia è una e indivisibile anche perché è sancito dalla nostra Costituzione, sulla quale giurano anch’essi prima di assumere incarichi di governo. Il nostro Risorgimento che viene puntualmente rinnegato dalle ali estreme della Lega è costato migliaia di vite umane.  Ma essenzialmente Mazzini, Garibaldi, Cavour  e Vittorio Emanuele non hanno combattuto invano per l’unità di questo Paese a cui manca soltanto una classe dirigente ‘efficiente’ per decollare ‘anche’ sul piano  economico (è da quindici anni che il PIL non cresce, anzi grazie alla crisi mondiale è anche diminuito). La cosiddetta prima repubblica ci ha lasciato un deficit pauroso nel bilancio dello stato, dei comuni, delle province e delle regioni. In particolare va ringraziato sentitamente l’onorevole Bettino Craxi che ha determinato un incremento del deficit pari al 20% annuo nell’ambito della sua presidenza, durata purtroppo ben cinque anni. Per quanto riguarda la cosiddetta seconda repubblica, caratterizzata dall’avvento in politica del Cavaliere che è sempre stato un fedele alleato della Lega, il deficit anziché diminuire è aumentato. Pertanto Bossi se la prenda con la classe dirigente di cui fa parte e lasci in pace il nostro Garibaldi che non a caso ha sempre qualche via o piazza dedicata in qualsiasi città del Sud-America. E quindi non a caso è definito come l’eroe dei due mondi. Lo lasci riposare tranquillo perché con Lui è morto un pezzo d’Italia che non abbiamo più visto riemergere e affermarsi soprattutto in Parlamento. Onorevole Bossi e la smetta oltre che di affermare che Roma è ladrona (perché le sostanziose indennità parlamentari le percepisce anche lei), anche che i romani ‘sono quello che non sono’ perché SPQR non è scritto a caratteri minuscoli, ma giganteschi come la sua imbellità. E ricordi ai suoi ‘seguaci’ e colleghi che il Senatus del più grande Stato che sia mai esistito era costituito da trecento grandi Uomini. L’attuale Parlamento italiano comprende quasi mille componenti  che riescono solo a produrre caos, inefficienze, deficit ed anche  e soprattutto molto gossip da piangere dalla vergogna di essere italiani.