Home Archivio Lo yoga disciplina complessa che domina il nostro “io”
Lo yoga disciplina complessa che domina il nostro “io” PDF Stampa
Archivio
Se ci fermassimo un istante a pensare alla nostra giornata tipo, ci renderemmo conto della continua frenesia che ci ritroviamo a vivere, riusciremmo così a capire quante volte noi cambiamo stato d’animo, umore a seconda delle circostanze e delle persone che ci troviamo a confrontare.
La nostra mente è in continuo fermento, è sempre attiva: gli stati mentali più svariati e eterogenei si avvicendano incessantemente, annaspando in un mare agitato.
La vita stessa di ognuno di noi, impone a volte anche inconsapevolmente, questo fervore tumultuoso, al quale vorremmo spesso sottrarci, così da far emergere quell’io reale, vero, sommerso ma che si trova in ognuno di noi.
Spesso confondiamo il nostro vero io, con una delle maschere che siamo abituati ad usare, tanto da non riconoscere a volte chi siamo veramente.
Per cercare di rilassarsi, sovente tentiamo di fare del vuoto nella mente, come se volessimo fare un po’ di spazio.
La mente si ribella, i nostri pensieri si susseguono e non riusciamo a dominarli. Il nostro corpo vorrebbe ribellarsi alle tensioni che ci sono necessarie per affrontare con grinta e coraggio la vita di tutti i giorni.
Quindi il denaro, i beni materiali diventano per questa nostra società, strumento per poterci comperare la felicità effimera, per appagare un senso di vuoto e farci sentire in un certo qual modo potenti.
Tutto questo ovviamente ci porta ad un aumento incalcolabile di nevrosi.
Lo yoga è una disciplina che ci può aiutare a ritrovare il nostro equilibrio psicofisico. E’ beneficio per i muscoli ma anche per lo spirito.
Insegna a mantenere le corrette posture corporee, ma anche ad esplorare il proprio animo.
Lo yoga aiuta a concentrarsi sul momento presente, ascolta i nostri bisogni più veri, del corpo e della anima, arricchendo il nostro spirito.
Si articola principalmente in tre fasi:
1)Le posizioni:esistono più di 1000 posizioni, statiche o dinamiche, vanno fatte sempre senza sforzi eccessivi e sempre nel rispetto del corpo.
2)Gli esercizi Respiratori: indissociabili dalla pratica delle posizioni con la consapevolezza del proprio respiro.
3)Il Rilassamento: si mette in pratica in posizione seduta o distesa.Va accompagnata con una respirazione lenta e profonda.
Quindi lo yoga richiede agli occidentali che gli si avvicinano, un po’ di pazienza, attenzione, l’intuizione per cogliere i messaggi non-verbali.
Lo yoga disciplina semplice e complessa al tempo stesso, è una pratica di esperienza e non di sapere, che potrebbe aiutare noi esseri umani, con le nostre nevrosi giornaliere a staccarci almeno per un po’ dalla routine quotidiana e allora che dire lasciamoci aiutare da questa pratica.
ROBERTA PATI