Home Yoga Asana SARVANGASANA: LA MADRE DI TUTTE LE ASANA
SARVANGASANA: LA MADRE DI TUTTE LE ASANA PDF Stampa
Yoga - Asana
E’ la regina delle asana, uno dei più grandi doni che gli yogi hanno lasciato all’umanità, per via del suo potente effetto benefico su tutto l’organismo. Ciò è espresso anche nel significato del suo nome “sarva”  infatti significa tutto e “ anga” arti. È anche conosciuta ai più, come posizione della Candela.
In sarvangasana si realizza un perfetto equilibrio tra forze celesti e forze terrestri, un gioco armonioso di muscoli, che si fanno ali per volare verso la segreta regione,dell’armonia e del benessere. È una posizione capovolta, che permette al corpo di ricevere radiazioni opposte da quelle usuali, infatti vengono invertite le radiazioni negative di scarica della terra, con quelle positive ed elevate del cielo.
Le giornate di maggio così generose di sole e di verde, sono la cornice migliore per provare ad accendere il vostro fuoco interiore. Questo vi darà il carburante necessario per vibrarvi nell’azzurro e per affrontare con energia e vigore la stagione estiva.
Vi serve solo un prato verde e magari un rosso tramonto, poi il corpo diverrà arco, l’asana la freccia e il bersaglio come sempre è l’Atman…Pronti??In voloooo



Pratica
Ci prepariamo alla posizione massaggiando tutto il corpo. Ci mettiamo a terra supini, corpo allineato, mento leggermente rientrato, braccia lungo il corpo( posizione del cadavere). Inspirando sollevare le gambe (possibilmente tese) e tutto il busto facendo pressione con le braccia e le mani a terra. Quando il bacino è sollevato piegare le braccia portando i gomiti a sostegno della schiena e le mani sui reni, espirare lentamente. Il mento poggia sullo sterno, le gambe sono stese e unite, i piedi rilassati; la concentrazione va mantenuta sulla respirazione diaframmatica. Si può tenere la posizione da 5 a 20 respiri aumentandoli gradualmente ogni giorno.
Per sciogliere la posizione inspirare profondamente e poi espirando riportare le gambe a terra lentamente controllando il movimento e senza sollevare la testa dal suolo. Se tenuta per lungo tempo questa posizione deve essere compensata sempre con la posizione del Pesce, Matsyāsana.
Benefici
- Rilassa la mente e aiuta ad alleviare lo stress e le forme di depressione lieve
- Stimola la tiroide, le ghiandole della prostata e gli organi dell'addome
- Allunga spalle e collo
- Tonifica gambe e glutei
- Migliora la digestione
- Contribuisce ad alleviare i sintomi della menopausa
- Allevia la sensazione di stanchezza e attenua i sintomi dell'insonnia
- Svolge una funzione terapeutica per asma, infertilità e sinusite
Controindicazioni/Precauzioni
- Diarrea
- Mal di testa
- Pressione sanguigna alta
- Mestruazioni
- Problemi al collo
- gravidanza
Eseguendo sarvangasana,  nel corpo avviene un’inversione delle funzioni, che si riflette anche nella mente, producendo un cambiamento di prospettiva sulla propria vita.
È definita anche “sigillo di immortalità”, secondo gli insegnamenti della “Gheranda”, infatti ogni persona contiene in se un potente fluido amrita, che rende immortali, ma esso tende riversarsi nell’addome e a bruciare nel plesso solare, causando l’invecchiamento e la morte. La messa in atto di questa asana rallenterebbe invece l’invecchiamento.
Buon volo…!!!!

BARBARA AMELIO