Home Benessere
Benessere
La porta del garage PDF Stampa
Benessere - Buonumore

 
Visita medico/culturale PDF Stampa
Benessere - Buonumore

 
La vera storia del peccato originale PDF Stampa
Benessere - Buonumore

 
Dimagrire senza dieta PDF Stampa
Benessere - Salute

Si riportano sull’argomento le considerazioni di Raffaele Morelli:

-I bambini quando giocano, si dimenticano di mangiare, perché provano un piacere così grande, che nessun alimento può dare loro. E gli animali selvatici non ingrassano perché seguono l’istinto: quelli domestici, che prendono i vizi dei padroni, diventano obesi.

-Chi  è preso dalle cose che fa, non ingrassa. Perché il cervello è soddisfatto e non compensa più le frustrazioni con il cibo.

-Mangiando cerchiamo di donarci amore, come accade agli albori della vita con il latte. Sono le calorie affettive che mancano. Ricorrere al cibo diventa allora una modalità automatica per tamponare l’angoscia.

-Per dimagrire, l’anima ha bisogno soprattutto di desiderare. Il desiderio, in qualunque modo espresso, è il più grande antidoto all’obesità: un nuovo lavoro, nuovi interessi, nuove esperienze.

-Per ritrovare il proprio peso ci vuole il piacere. Quello vero, che nasce dalla passione per la vita, per tutte le manifestazioni dell’esistenza, amori e affetti, lavoro e tempo libero, talenti e creatività. Dimagrire è l’arte di incontrare te stesso, il vero te stesso, non quello soffocato dal cibo.

-Chi ingrassa vive di rimpianti. La mente che rimpiange è una zavorra per l’anima e per il metabolismo. Ancor di più lo è l’eccesso di pensieri. Chi ingrassa pensa troppo.

-Essere naturali significa abbandonarsi alle ‘ferite affettive’ che ci arrivano e attendere che l’anima spontaneamente formi la cicatrice. Proprio come fa la natura, quando ci tagliamo: il corpo si cura con le piastrine del sangue, l’anima con l’oblio.

-E’ inutile ripensare a ciò che è stato: è quello che posso fare che conta. L’immagine della propria autorealizzazione è il miglior tonico per il metabolismo dell’anima. Se sei te stesso, non hai bisogno di compensare con il cibo.

-Chi ingrassa crede di aver poca forza di volontà: si sbaglia ne ha troppa! E’ troppo severo con se stesso e così ha perso l’elasticità, la leggerezza dell’anima. Non si lascia più guidare da lei, che si esprime attraverso passioni, desideri, sogni, tentazioni.

-Il cibo è la “consolazione” più facile e a portata di mano. Specialmente oggi che bar e fast food, panetterie e pasticcerie si moltiplicano sui marciapiedi della città. Così è facile cadere nella trappola e concedersi uno sfizio dopo l’altro per placare ansia, noia, frustrazione, mancanza di affetto…..

-Una recente ricerca ha messo in luce che le persone che nella loro vita lasciano spazio al piacere, non solo vivono più a lungo e si ammalano di meno, ma non ingrassano oppure, se lo fanno, ritornano velocemente al loro peso forma se si concentrano nuovamente su ciò che dà loro piacere. Invece le persone che hanno un eccessivo senso del dovere, che si criticano continuamente, non solo rischiano depressione e malattie psicosomatiche, ma ingrassano in maniera considerevole. Insomma, per non ingrassare abbiamo bisogno di due cose: passione e novità

-Chi ingrassa è spesso un perfezionista, si impone di essere un genitore inappuntabile, un lavoratore efficiente, si carica di un sacco di pesi e responsabilità, dimenticando altri desideri che abitano nella sua anima.

-Via via ci convinciamo che è la fatica il vero motore della nostra vita. Ma, al contrario per scoprire i tuoi talenti non devi sforzarti. Solo ciò che sappiamo fare senza fatica è autentico.

 

Pertanto, per  ridurre le quantità degli alimenti, a cominciare da quelli con più calorie, è necessario rimuovere la fame ‘nervosa’, per eliminare la quale  Raffaele Morelli dice che bisogna mettere al centro della nostra vita il proprio Io, evitando di porsi troppi problemi esistenziali,cercando di rimuovere ansia e preoccupazioni eccessive. E’ necessario collocare al centro dell’esistenza le piccole grandi soddisfazioni e i piaceri che ci può offrire una vita libera da costrizioni eccessive, da doveri impellenti e dalla solita routine.

Le considerazioni di Raffaele Morelli sono tratte dal testo “Dimagrire senza dieta”

 
Storie con morale PDF Stampa
Benessere - Buonumore

Lezione n °1
Un uomo va sotto la doccia subito dopo la moglie e nello stesso istante suonano al campanello di casa.
La donna avvolge un asciugamano attorno al corpo, scende le scale e correndo va ad aprire la porta: è Franco, il vicino. Prima che lei possa dire qualcosa lui le dice: ti do 800 Euro adesso in contanti se fai cadere l’asciugamano!
Riflette e in un attimo l’asciugamano cade per terra …
Lui la guarda a fondo e le da la somma pattuita.
Lei, un po’ sconvolta, ma felice per la piccola fortuna guadagnata in un attimo risale in bagno.
Il marito, ancora sotto la doccia le chiede chi fosse alla porta.
Lei risponde: era Franco.
Il marito: perfetto, ti ha restituito gli 800 euro che gli avevo prestato?

Morale n°1: se lavorate in team, condividete sempre le informazioni!

Lezione n° 2
Al volante della sua macchina, un attempato sacerdote sta riaccompagnando una giovane monaca al convento. Il sacerdote non riesce a togliere lo sguardo dalle sue gambe accavallate. All’improvviso poggia la mano sulla coscia sinistra della monaca.
Lei lo guarda e gli dice: Padre, si ricorda il salmo 129?
Il prete ritira subito la mano e si perde in mille scuse.
Poco dopo, approfittando di un cambio di marcia, lascia che la sua mano sfiori la coscia della religiosa che imperterrita ripete: Padre, si ricorda il salmo 129?
Mortificato, ritira la mano, balbettando una scusa.
Arrivati al convento, la monaca scende senza dire una parola. Il prete, preso dal rimorso dell’insano gesto si precipita sulla Bibbia alla ricerca del salmo 129.
‘Salmo 129: andate avanti, sempre più in alto, troverete la gloria …

Morale n° 2: Al lavoro, siate sempre ben informati!

Lezione n° 3
Un rappresentante, un impiegato e un direttore del personale escono dall’ufficio a mezzogiorno e vanno verso un ristorantino quando sopra una panca trovano una vecchia lampada ad olio. La strofinano e appare il genio della lampada.
“Generalmente esaudisco tre desideri, ma poiché siete tre, ne avrete uno ciascuno”.
L’impiegato spinge gli altri e grida: “ tocca a me, a me …. Voglio stare su una spiaggia incontaminata delle Bahamas, sempre in vacanza, senza nessun pensiero che potrebbe disturbare la mia quiete”.
Detto questo svanisce.
Il rappresentante grida: “a me, a me, tocca a me!!!! Voglio gustarmi una pinacolada su una spiaggia di Tahiti con la donna dei miei sogni!” E svanisce.
Tocca a te, dice il genio, guardando il Direttore del personale.
“Voglio che dopo pranzo quei due tornino al lavoro!”

Morale n° 3 : lasciate sempre che sia il capo a parlare per primo!

Lezione n° 4
In classe la maestra si rivolge a Pierino e gli chiede:
‘Ci sono cinque uccelli appollaiati su un ramo. Se spari a uno degli uccelli, quanti ne rimangono?’
Pierino risponde: ‘Nessuno, perchè con il rumore dello sparo
voleranno via tutti’
.
La maestra: ‘Beh, la risposta giusta era quattro, ma mi piace come ragioni’.
Allora Pierino dice ‘Posso farle io una domanda adesso?
La maestra ‘Va bene.

Pierino  : Ci sono tre donne sedute su una panchina che mangiano il gelato. Una lo
lecca delicatamente ai lati , la seconda lo ingoia tutto fino al cono , mentre la terza dà piccoli morsi in cima al gelato . Quale delle tre è sposata ?

L’insegnante arrossisce e risponde: “Suppongo la seconda… quella che ingoia il gelato fino al cono”
Pierino : “Beh, la risposta corretta era quella che porta la fede, ma … mi piace come ragiona’!!!

Morale n°4: Lasciate che prevalga sempre la ragione.

Zeribi Cinzo

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 11