Home Utilità Curiosità
Curiosità


A brief history of slavery PDF Stampa
Utilità - Curiosità

Slavery started appearing in past civilizations probably around 11,000 years ago, when with the wide spreading of agriculture, humanity started experiencing a surplus of food.  Before, humans sustained themselves with hunting and gathering. It would be untrue to say that they did not engage in fights with other humans, because, even then, warfare between different tribes was probably not uncommon.  The only reason why, at that time, the captured enemies were not turned into slaves, was a logistic one. Usually the amount of food available was always meager and increasing the amount of food needed to feed the prisoners would have required only one solution: the utilization of the vanquished enemies by making them  participate in the hunt. But, it was totally impractical to provide the vanquished enemy with the weapons and the freedom needed for hunting. The most practical way to dispose of an enemy was either to kill him immediately on the battle field or to kill him later and consume the spoils. Considering the shortage of food the latter choice was considered a good alternative. Recent discoveries show evidence of this practice in many of early man's dwellings. Cannibalism was still wide spread, when in the past centuries more civilized nations came in contact with tribes still living by hunting and gathering.

Things changed with the advent of agriculture. The surplus of food allowed part of the population not to work in the fields. Societies started organizing themselves into more specialized categories of workers. There were soldiers, farmers, stone cutters, builders etc... The soldiers, when they won a war, made prisoners. These same soldiers, during peace time, were ideal for watching over the prisoners. Now, there was a considerable advantage in keeping the prisoners alive by turning them into slaves working in the quarries, in the fields or in various household mansions. In ancient Sparta there were so many slaves that the Spartan army was reluctant to  leave the city, when engaging into wars, for fear of slave revolts at home and only in rare cases they did decide to participate in far away wars.

Until the advent of the industrial revolution, slaves were the most valuable commodity on the market. It is said that the average roman soldier would have to serve for twenty years in the army to be able to afford the purchase of a slave. A beautiful female slave was thought to cost ten times the price of an average slave and therefore she was totally unaffordable to the average soldier. In the American South the average slave would have cost more than a modern luxury car. At the eve of the Civil War, slaves represented more than two thirds of the total wealth of the Southern States. At the end of the Civil War, these states lost most of their wealth.

In ancient Rome, slaves were the biggest factor contributing to an owner's wealth. Julius Caesar was nominated proconsul in 58 BC and, soon after, he left Rome to start the Gallic wars. When leaving the city, he was chased by numerous creditors for the money he had borrowed during the election campaign. The election had left him in heavy debt. He came back in 51 BC, just after seven years, and by then he had become, by far, the richest citizen in the Roman Empire. This change in his personal fortune was due to the hundreds of thousands of prisoners taken during the Gallic wars. These same prisoners were later sold to slave merchants generating his great wealth.  The wars of expansion, made by the Romans, had the slave trade as one of the major motivations. One other motivation was the safe transportation of goods traded among the different parts of the empire and even the far Orient. All these wars increased the wealth of the higher classes in the Roman society, while requiring a great amount of sacrifice for the lower classes that had to serve in the army. The emperor Hadrian (117- 138 AD) stopped the Roman territorial expansions and made treaties with other nations to assure that the trade routes stayed open and safe. He opened an era when all the citizens could participate and enjoy the great achievements of the Roman Empire. He ushered in an era of about one hundred years of almost total peace in the western world, that never was to be experienced again.

Logistics in the agricultural age had permitted the development of slavery, but logistics changed with the advent of the industrial age about three hundred years ago and this event promoted the total abolishment of slavery in most nations. With the industrial age came the development of giant factories in the textile, the iron works and many other enterprises. If these enterprises had to work with slave labor, they would have needed capital to build lodging and to provide all the necessities in order to keep a slave work force healthy and dependable. It was a lot more convenient to let the workers fend for themselves with the bare existence wages they were being paid. When the workers got sick and died, the event did not imply a loss of capital as in the case of slaves. The deceased workers could be easily replaced with others on the factory floor. This explains why at the time of the Civil war, with the Southern States being mostly agricultural, and the Northern States being mostly industrial, a workable solution for avoiding the conflict could not be found.

It would be too cynical not to mention that empathy probably  did play a role in the demise of slavery in most of the world. Prosperity allows people in general to behave in a more humane way, but the question we have to ask ourselves is: if prosperity were to diminish, would this empathy diminish too?

 

Marcello Veneziano

Copyright  2018

 
Breve storia della schiavitù PDF Stampa
Utilità - Curiosità

La schiavitù ha iniziato ad apparire nelle civiltà passate probabilmente circa 11.000 anni fa, quando con l'ampia diffusione dell'agricoltura, l'umanità ha iniziato a sperimentare un surplus di cibo. Prima, gli umani si mantenevano con la caccia e la raccolta. Sarebbe falso dire che non si sono scontrati con altri umani, perché, anche allora, la guerra tra tribù diverse non era probabilmente rara. L'unica ragione per cui, in quel momento, i nemici catturati non furono trasformati in schiavi, era logistico. Di solito la quantità di cibo disponibile era sempre scarsa e aumentare la quantità di cibo necessaria per nutrire i prigionieri avrebbe richiesto solo una soluzione: l'utilizzo dei nemici vinti facendoli partecipare alla caccia. Ma era del tutto impossibile fornire al nemico sconfitto le armi e la libertà necessarie per la caccia. Il modo più pratico per sbarazzarsi di un nemico era ucciderlo immediatamente sul campo di battaglia o ucciderlo più tardi e consumare il bottino. Considerando la scarsità di cibo, quest'ultima scelta è stata considerata una buona alternativa. Recenti scoperte mostrano prove di questa pratica in molte delle abitazioni dei primi uomini. Il cannibalismo era ancora diffuso, quando nei secoli passati altre nazioni civilizzate entrarono in contatto con tribù che ancora vivevano di caccia e raccolta.

Le cose cambiarono con l'avvento dell'agricoltura. L'eccedenza di cibo permetteva a una parte della popolazione di non lavorare nei campi. Le società avevano iniziato ad organizzarsi in categorie più specializzate di lavoratori. C'erano soldati, contadini, tagliatori di pietre, costruttori ecc ... I soldati, quando vincevano una guerra, facevano prigionieri. Questi stessi soldati, durante il tempo di pace, erano ideali per sorvegliare i prigionieri. Ora, c'era un notevole vantaggio nel mantenere vivi i prigionieri trasformandoli in schiavi che lavoravano nelle cave, nei campi o in varie mansioni domestiche. Nell'antica Sparta c'erano così tanti schiavi che l'esercito spartano era riluttante a lasciare la città, impegnandosi in guerre, per paura delle rivolte in ​​casa e solo in rari casi decisero di partecipare a guerre lontane.

Fino all'avvento della rivoluzione industriale, gli schiavi erano la merce più preziosa sul mercato. Si dice che il soldato romano medio avrebbe dovuto servire per venti anni nell'esercito per potersi permettere l'acquisto di uno schiavo. Se si pensa che una bella schiava costava dieci volte il prezzo di uno schiavo medio, era totalmente inavvicinabile per un soldato. Negli Stati Uniti del sud, lo schiavo medio sarebbe costato più di una moderna auto di lusso. Alla vigilia della guerra civile, gli schiavi rappresentavano più dei due terzi della ricchezza totale degli Stati meridionali. Alla fine della guerra civile, questi stati persero la maggior parte della loro ricchezza.

Nell'antica Roma, gli schiavi erano il fattore più importante che contribuiva alla ricchezza di un proprietario. Giulio Cesare fu nominato proconsole nel 58 aC e, poco dopo, lasciò Roma per iniziare le guerre galliche. Quando lasciò la città, fu inseguito da numerosi creditori per i soldi che aveva preso in prestito durante la campagna elettorale. L'elezione lo aveva lasciato molto indebitatoo. Tornò nel 51 aC, dopo sette anni, e da allora era diventato, di gran lunga, il cittadino più ricco dell'impero romano. Questo cambiamento nella sua fortuna personale fu dovuto alle centinaia di migliaia di prigionieri presi durante le guerre galliche. Questi stessi prigionieri furono poi venduti a mercanti di schiavi generando la sua grande ricchezza. Le guerre di espansione, compiute dai Romani, avevano il commercio degli schiavi come una delle principali motivazioni. Un'altra motivazione era il trasporto sicuro di merci scambiate tra le diverse parti dell'impero e persino con il lontano Oriente. Tutte queste guerre aumentarono la ricchezza delle classi più alte nella società romana, mentre richiedevano una grande quantità di sacrifici per le classi inferiori che dovevano servire nell'esercito. L'imperatore Adriano (117- 138 d.C.) fermò le espansioni territoriali romane e stipulò trattati con altre nazioni per assicurare che le rotte commerciali rimanessero aperte e sicure. Aprì un'era in cui tutti i cittadini potevano partecipare e godere delle grandi conquiste dell'Impero Romano. Inaugurò un'era di circa cento anni di pace quasi totale nel mondo occidentale, che non si sarebbe mai più vissuta.

La logistica in età agricola aveva permesso lo sviluppo della schiavitù, ma la logistica cambiò con l'avvento dell'era industriale circa trecento anni fa e questo evento promosse l'abolizione totale della schiavitù nella maggior parte delle nazioni. Con l'era industriale arrivò lo sviluppo di gigantesche fabbriche nel settore tessile, nelle fabbriche di ferro e in molte altre imprese. Se queste imprese avessere dovuto lavorare con il lavoro degli schiavi, avrebbero avuto bisogno di ingenti capitali per costruire alloggi e fornire tutte le risorse necessarie per mantenere una forza lavoro schiava sana e affidabile. Era molto più conveniente lasciare che gli operai si arrangiassero da soli con la semplice paga. Quando i lavoratori si ammalavano e morivano, l'evento non implicava una perdita di capitale come nel caso degli schiavi. I lavoratori deceduti potevano essere facilmente sostituiti con altri nell'organico della fabbrica. Questo spiega perché al tempo della guerra civile, con gli Stati meridionali che erano per lo più agricoli, e gli stati settentrionali per lo più industriali, non si riuscì a trovare una soluzione praticabile per evitare il conflitto.

Sarebbe troppo cinico non menzionare che l'empatia abbia probabilmente avuto un ruolo nella scomparsa della schiavitù nella maggior parte del mondo. La prosperità consente alle persone in generale di comportarsi in modo più umano, ma la domanda che dobbiamo porci è: se la prosperità dovesse diminuire, anche questa empatia diminuirà?

 

Marcello Veneziano

 

Copyright 2018

 
IL LONFO ( poesia metasemantica) PDF Stampa
Utilità - Curiosità

Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È frusco il Lonfo! È pieno di lupigna
arrafferia malversa e sofolenta!
Se cionfi ti sbiduglia e ti arrupigna
se lugri ti botalla e ti criventa.
Eppure il vecchio Lonfo ammargelluto
che bete e zugghia e fonca nei trombazzi
fa legica busia, fa gisbuto;
e quasi quasi in segno di sberdazzi
gli affarferesti un gniffo. Ma lui, zuto
t' alloppa, ti sbernecchia; e tu l'accazzi.

Fosco Maraini

"Il Lonfo", brevissimo componimento di Fosco Maraini (Firenze, 15 novembre 1912 – 8 giugno 2004).

Quanto appena riportato è un esempio di quella che lo stesso autore - celebre orientalista ed antropologo - chiamava poesia metasemantica : una creazione poetica , cioè, che si fonda sulla pura capacità dei suoni di evocare e suggerire immagini , pur se quei medesimi suoni ed effetti vocali non hanno alcuna relazione con parole dotate di significato .

"Il Lonfo" è inserito nella raccolta "Gnosi delle Fànfole" (1978), piccola perla del non-sense ispirato e del gioco linguistico , semantico e lessicale"

 
La rana e lo scorpione PDF Stampa
Utilità - Curiosità

Uno scorpione doveva attraversare un fiume, ma non sapendo nuotare, chiese aiuto ad una rana che si trovava lì accanto. Così, con voce dolce e suadente, le disse: "Per favore, fammi salire sulla tua schiena e portami sull'altra sponda." La rana gli rispose "Fossi matta! Così appena siamo in acqua mi pungi e mi uccidi!" "E per quale motivo dovrei farlo?" incalzò lo scorpione "Se ti pungessi, tu moriresti ed io, non sapendo nuotare, annegherei!" La rana stette un attimo a pensare, e convintasi della sensatezza dell'obiezione dello scorpione, lo caricò sul dorso e insieme entrarono in acqua. 
A metà tragitto la rana sentì un dolore intenso provenire dalla schiena, e capì di essere stata punta dallo scorpione. Mentre entrambi stavano per morire la rana chiese all'insano ospite il perché del folle gesto. "Perché sono uno scorpione..." rispose lui "E' la mia natura"

Forse lo scorpione puo` rappresentare la vera natura del presidente Trump. Questo presidente, che fu`eletto grazie a una moltitudine di povera gente rimasta marginalizzata negli ultimi 20 anni, per lo piu` come risultato della globolizazione del commercio, ha recentemente presentato al congresso degli Stati Uniti un budget per le spese del prossimo anno che significamente riduce i fondi destinati ad allievare le pene di questa povera gente. Come nella favola, Trump aveva una brutta reputazione nei suoi affari che avevano a che fare con gli strati piu' indigenti della societa`. Un esempio e` la Trump University, una organizazione che li avrebbe educati per un certo successo finanziaro, come veniva spiegato nella pubblicita`. Questa organizazione provo` di essere una truffa totale e lo stesso Trump fini` con l'elargire una somma di 25 milioni di dollari per risolvere tutte le querele. Per alleviare l'effetto` della sua cattiva reputazione, Trump durante il periodo prima delle elezioni, dovette abbindolare questa gente con molte promesse. In questa fase fu` molto abile nel convincerli delle sue buone intenzioni. Ora, una volta eletto, non puo` mantenere quelle promesse perche` non sono parte della sua natura e deve procedere a liquidare i suoi elettori anche se questo potrebbe significare la sua morte in politica.

 
Le ricette e i ricettari: da Marco Gavio Apidio a Pellegrino Artusi PDF Stampa
Utilità - Curiosità

Al giorno d'oggi il termine 'ricetta' in Italia viene utilizzato per indicare principalmente due cose : la procedura di preparazione di un piatto di cucina o l'impegnativa rilasciata dal medico . In senso culinario , nelle ricette moderne sono indicati dosi e liste di ingredienti che servono per cucinare una portata oltre alle varie fasi della preparazione della stessa : forse non tutti sanno che i ricettari sono 'cosa antica' che andava di moda già a partire dal medioevo . Il termine ricetta deriva infatti dal participio passato del verbo recipere , che coniugato come indicato in precedenza diventa recepta : questo perché in epoca medievale tutte le descrizioni e le indicazioni relative alle cose da fare per effettuare una preparazione iniziavano con il termine recipe (cioè 'prendi'), che attualmente è il termine inglese che significa proprio 'ricetta'. In età medievale i ricettari erano dei veri e propri          manuali che custodivano i 'segreti del mestiere' non solo di cuochi ma anche di artigiani e medici , nei quali spesso si possono riscontrare riferimenti a quella che sarebbe poi diventata l'alchimia .

Ma come si sono evolute ricette e ricettari nel corso dei secoli ? 
Quello che sicuramente balza all'occhio è che nei ricettari antichi , al contrario di quello che succede ora , nelle ricette non venivano date indicazioni in merito a dosi e tempi di cottura anche perché questi libri erano rivolti ad esperti del settore e non a massaie o cuochi amatoriali come succede al giorno d'oggi . Dopo quello di Marco Gavio Apicio (gastronomo dell'antica Roma vissuto tra il 25 a.C. e il 35 d.C.), il principale trattato di cucina medioevale è il Liber de coquina che si deve a un cortigiano che visse alla corte del re Carlo II d'Angiò. Questo libro è una summa di ricette che risentono di influenze principalmente napoletane e francesi ma anche arabe , spagnole e delle varie parti d'Italia. I ricettari del periodo iniziavano con 'sei vuoi fare' e il nome della pietanza, ed erano molto stringate . Già a partire dal '400 però le ricette vengono scritte in modo più accurato sia dal punto di vista terminologico che delle procedure . Nel '500 i ricettari sono infarciti di termini dotti ma a partire dalla metà del '700 i libri sono scritti in gergo barocco , densi di quelli che vengono definiti francesismi ed idiotismi . E proprio da una polemica contro questo modo di scrivere , il celeberrimo Pellegrino Artusi partirà i suoi libri di ricette scritti in modo semplice e alla portata di tutti , che ne decreteranno il successo negli anni a venire .

Cinzo Zeribi

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 11