Home Utilità
Curiosità
Tra il rumore e la fretta raccontati PDF Stampa
Utilità - Curiosità
di Roberta PATI

“Passa tranquillamente tra il rumore e la fretta , e ricorda quanta pace può esserci nel silenzio; finché è possibile senza doversi abbassare, sii in buoni rapporti con tutte le persone, dì la verità con calma e chiarezza; e ascolta gli altri, anche i noiosi e gli ignoranti anche loro hanno una storia da raccontare…….”. “Sii te stesso”.(epitaffio della chiesa di San Paolo Baltimora datata 1692)
Ho cercato di prendere alcuni dei numerosi punti salienti di questa lettera, molto profonda. Saper ascoltare gli altri credo che sia alla base dei rapporti umani, affettivi, lavorativi. Oggi, nella nostra società manca proprio la capacità nelle relazioni umane di ascoltarsi reciprocamente, non solo tra gli amici, tra i colleghi, ma anche e soprattutto manca un dialogo uno scambio di idee e una condivisione di pensieri tra i familiari,tra genitori e figli, tra moglie e marito. Corriamo, corriamo, siamo impegnati ad inseguire i nostri obiettivi, a seguire le nostre personali idee. Ascoltare qualcuno è uno sforzo d’interessi, di concentrazione, d’attenzione. Ascoltare qualcuno non vorrà dire giudicarlo o sovrapporre le nostre idee, le nostre a volte inutili parole. Cammino e capisco pensando com’è il mondo, com’è fatta la nostra società, come siamo fatti noi esseri umani. Se solo ci fermassimo un istante ad ascoltare, a rivolgere la parola al nostro amico o parente più prossimo, l’ignoranza non né formerebbe automaticamente dell’altra, la disattenzione che prestiamo nell’altro non genererebbe un impoverimento affettivo, relazionale. L’ascolto è la prima espressione dell’amore. L’inizio del voler bene a qualcuno sta nell’imparare ad ascoltarlo; l’ascolto può guarire una persona, l’ascolto può toglierci dall’indifferenza, dal silenzio “che scruta”.

Roberta Pati
 
'A livella PDF Stampa
Utilità - Curiosità
di Antonio DE CURTIS (Totò)

 

Ogn'anno,il due novembre,c'é l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno l'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.
Ogn'anno,puntualmente,in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado,e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.
St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo,e che paura!,
ma po' facette un'anema e curaggio.
'O fatto è chisto,statemi a sentire:
s'avvicinava l'ora d'à chiusura:
io,tomo tomo,stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.
"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del'31"
'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele,cannelotte e sei lumine.
Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata,senza manco un fiore;
pe' segno,sulamente 'na crucella.
E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola,che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!
Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?
Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura...nnanze 'e cannelotte.
Tutto a 'nu tratto,che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato...dormo,o è fantasia?
Ate che fantasia;era 'o Marchese:
c'o' tubbo,'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'nascopa mmano.
E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?
Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo..calmo calmo,
dicette a don Gennaro:"Giovanotto!
Da Voi vorrei saper,vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir,per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!
La casta è casta e va,si,rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si,inumata;
ma seppellita nella spazzatura!
Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo,quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente"
"Signor Marchese,nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?
Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo,obbj'...'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".
"E cosa aspetti,oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"
"Famme vedé..-piglia sta violenza...
'A verità,Marché,mme so' scucciato
'e te senti;e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...
Ma chi te cride d'essere...nu ddio?
Ccà dinto,'o vvuo capi,ca simmo eguale?...
...Muorto si'tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato é tale e quale".
"Lurido porco!...Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri,nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".
"Tu qua' Natale...Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo...'int'a cervella
che staje malato ancora e' fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?...è una livella.
'Nu rre,'nu maggistrato,'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto,'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?
Perciò,stamme a ssenti...nun fa''o restivo,
suppuorteme vicino-che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie...appartenimmo à morte!"
 
MEMORIE CELTICHE/ Il tempo della Metamorfosi:il segreto di Halloween fa bene a grandi e piccini PDF Stampa
Utilità - Curiosità

Un altro modo per celebrare l’unione con il cosmo, questa volta non viene dallo Yoga, ma dal suggestivo popolo dei Celti. Molti considerano la festa di Halloween, una fortunata trovata americana, che imperversa ora,  anche in Italia. In realtà le sue origini si perdono nella leggenda, con significati molto più sottili, di quelli che passano dalle vetrine o sul web.
Non è ancora il 31 ottobre, ma le nostre città sono già popolate di scheletri, cappelli a punta, zucche, fantasmi e altre improbabili creature: comincia un altro consumistico rituale metropolitano?
L’aria di autunno è piena di mito e così gli spiriti più inquieti si risvegliano…
Se facciamo un passo indietro nella storia,  a circa 2000 anni fa,  possiamo osservare come l’anno celtico era suddiviso in due metà, quella invernale e quella estiva, una chiara e l'altra oscura: due erano le festività principali, Samhain e Beltine, intervallate ancora da altre due feste, Imbolc e Lughnasadh.
 Il calendario dei Celti non cominciava il 1° gennaio, come per noi oggi, bensì il 1° novembre, quandoterminava ufficialmente la stagione calda ed iniziava la stagione delle tenebre e del freddo. La festa più importante dell'anno era così una sorta di Capodanno, dedicato a "Samhain”.
Alla fine di ottobre il lavoro nei campi era concluso, il raccolto era al sicuro ed i contadini potevano finalmente rilassarsi,   e si  preparavano al freddo, trascorrendo le serate a raccontare storie e leggende.
"Samhain" era una divinità, era considerato il Signore della Morte e il Principe delle Tenebre.
I Celti credevano che alla vigilia di ogni nuovo anno, cioè il 31 Ottobre, Samhain chiamasse a sè tutti gli spiriti dei morti. In questo giorno tutte le leggi dello spazio e del tempo erano come sospese e il velo che divideva il mondo dei vivi dal mondo dei morti si faceva più sottile, permettendo alle anime di mostrarsi, di comunicare con i viventi e di divertirsi alle loro spalle, facendo scherzi ed impaurendoli con le loro apparizioni. "Samhain" era una celebrazione che univa la paura della morte e degli spiriti all'allegria dei festeggiamenti per la fine del vecchio anno. I Celti non temevano i propri morti e lasciavano per loro del cibo sulla tavola in segno di accoglienza per quanti facessero visita ai vivi. Da qui l’ usanza del trick-or-treat.(dolcetto o scherzetto)
 Nella dimensione circolare del tempo, caratteristica della cultura celtica, Samhain si trovava in un punto fuori dalla dimensione temporale che non apparteneva né all'anno vecchio e neppure al nuovo.
 
L’aspetto più interessante di tale misteriosa tradizione è lo spazio, che questo magico popolo ha dedicato alla metamorfosi. Quella legge cosmica che agisce nel macrocosmo e nel microcosmo, influenzando  l’esistere e il ritornare alla terra. . Il tic tac silenzioso del Tempo, che rinnova le foreste, i campi, gli animali e gli uomini, anche quelli onnipotenti di oggi. E’ la legge cosmica del cambiamento, che in India prende la forma del dio Shiva, e che attraversa le culture.
Non dobbiamo sempre vedere il lato nero delle cose. Associare questo antico giorno di passaggio all’occultismo o al macabro, fa perdere il suo forte potenziale espressivo.
 Possiamo invece  cogliere in questo rito, che oggi chiamiamoHalloweeen( All Hallows' Day in inglese Ognissanti), l’occasione per guardare alla metamorfosi, per giocare con quei confini (VITA E MORTE), che spesso sono nascosti ai bambini, perché essi spaventano ancora i grandi. Halloween è invece in questa chiave allegorica, la grande favola della vita, il miracoloso ciclo della natura, in cui tutto viene alla luce, cresce, e ritorna  nel buio, divenendo di nuovo terra, vita. Un favoloso viaggio , dove il percorso diventa l’ humus, per un nuovo ciclo di vite. I colori della festa di Halloween sono quelli della metamorfosi: l’arancio e il viola, frutti dell’estate maturati e della massima energia, simboli del bruciare verso nuovi cicli, mentre il fuoco della zucca si fa cenere.
 Questo piacere tutto umano di giocare con i confini, ci aiuta a comprender qual è il nostro ciclo , ad essere consapevole del tempo e delle sue leggi, alle quali il nostro corpo è soggetto, mentre l’anima appartiene all’Eterno.
Una preziosa occasione per fermarsi a contemplare questo passaggio , potrebbe iniziare con il prendere coscienza del miracolo quotidiano di un giorno. L’alternarsi del giorno e della notte è infatti il segno più visibile, eppure così dimenticato della metamorfosi costante dell’universo.
Lo spirito dell’uomo è più grande e più eclettico di qualsiasi confine e nessun contenitore etnico, culturale, religioso può raccoglierlo...e allora buona festa della metamorfosi e del raccolto a tutti gli spiriti che giocando, onorano il tempo.
Articolo di BARBARA AMELIO
 
El beso/Il bacio PDF Stampa
Utilità - Curiosità

Con candoroso embeleso
y rebozando alegrìa ,
me pides morena mìa
que te diga . . . ? Qué es un beso ?
Con fascinoso candore
e ammantata di allegria ,
mi richiedi brunetta mia
che ti dica … Cosa è un bacio d'amore?
Un beso es el eco suave
de  un canto , que mas que canto
es un himno sacrosanto
que imitar no puede el ave .
Un bacio è l’eco soave
di un canto , che più che canto
è un inno sacrosanto
che  imitar non può l'ave .
Un beso es el dulce idioma
con que hablan dos corazones ,
que mezcclan sus impresiones
como las flores su aroma .
Un bacio è il dolce idioma
col quale parlano due cuori
che mescolano i loro umori
come i fiori il loro aroma .
Un beso es . . . no seas loca . . .
? Por qué me preguntas eso ?
! Junta tu boca a mi boca
y sabràs lo que es un beso !
Un bacio è … non essere sciocca …
perché mi domandi ciò ?
Unisci la tua bocca alla mia bocca
ed apprenderai quello che è un bacio !
Testo del poeta peruviano FEDERICO BARRETO  con traduzione di ZERIBI CINZO
 
Curiosità: Le moltiplicazioni degli antichi Romani PDF Stampa
Utilità - Curiosità
Come  si  sa,  gli  antichi  Romani  utilizzavano  le  lettere  al  posto  dei  numeri  arabi  e  precisamente :
I = 1  ;  II = 2  ;  III = 3  ;  V = 5  ;  VI = 6  ;  VII = 7  ;  VIII = 8  ;  X = 10  ;  XI =11  ;  XII = 12  ;  XIII = 13  ;  XV = 15  ;
XX = 20  ;  XXX = 30  ;  L = 50  ;  LX = 60  ;  C = 100 ;  D = 500  ;  M = 1000 ,  concepite  come   addizioni , 
mentre    IV = 4  ;  IX = 9  ;  IXX = 19  ;  IL = 49  ;  VL = 45  ;  XL = 40  ;  XC = 90  ;  CD = 400  ;  CM = 900   
erano   sottrazioni  .  Era quindi  facile  effettuare  addizioni  e  sottrazioni .  Con  questo  sistema  non  era
però  possibile  effettuare  moltiplicazioni  così  come  noi  facciamo . 

 Quindi   per  poter  effettuare    lemoltiplicazioni  avevano  escogitato  il   metodo   di  affiancare  i  due  numeri  da  moltiplicare  e ,  incolonna  sul  numero   di  sinistra ,  effettuare  la  divisione  per  due  ,  tralasciando  il  resto ,  proseguendo fino  all’ unità ,  mentre  il  numero  di  destra  , sempre  in  colonna ,  veniva   raddoppiato  un  numero  di volte  pari  alle  operazioni   fatte  sul  numero  di  sinistra .  A  questo 
punto  sulla  colonna  di  destra  si sommavano  solo  i  numeri  il  cui  corrispondente  a  sinistra  era  dispari .
Facciamo  un  esempio :   
         19 x 23                 
  IXX                XXIII 
   IX                 XLVI
   IV                 XCII
   II              CLXXXIV  
    I             CCCLXVIII 
Sulla  colonna  di  sinistra  sono  dispari  solo  il  primo , il  secondo  ed  il  quinto , quindi  sulla  colonna  di destra  vengono  selezionati   i  numeri   23  ,  46  e  368  che  sommati  danno  il  risultato  cercato  =  437

       Zeribi Cinzo                                                                                                                                                                                                                                                                          

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Succ. > Fine >>

Pagina 8 di 9