Home Utilità Curiosità Gli ambienti di lavoro
Gli ambienti di lavoro PDF Stampa
Utilità - Curiosità

Un articolo di un giornale, piuttosto autorevole nel campo dell’economia e della finanza, che afferma che i sentimenti vanno lasciati fuori della fabbrica ci ha lasciato sbigottiti, perché in pratica si dice che per aumentare l'efficienza e la produttività, l'uomo deve diventare un robot e che quindi deve “integrarsi” con le altre macchine dell'azienda.

Questo è in contrasto sia con le più elementari norme del viver civile, sia con il concetto stesso di efficienza e produttività. Ricordiamo a chi ha scritto l'articolo che il tempo delle catene di montaggio serializzate è finito per sempre, perché la natura dell'uomo non può essere stravolta.

Persone molto più competenti di chi ha scritto quell'articolo  hanno affermato che lo stato di salute di una azienda si può valutare essenzialmente da tre fattori fondamentali: il cash-flow, la soddisfazione dei clienti e la soddisfazione dei dipendenti. Quest'ultimo parametro, che andremo ad analizzare, contrasta nettamente con la figura dell'uomo robot che qualcuno ipotizza debba assumere il dipendente per migliorare l'efficienza della fabbrica. La soddisfazione del dipendente migliora l'ambiente lavorativo dal punto di vista umano e quindi fa sì che si è maggiormente disponibili al lavoro di gruppo. Il lavoro collettivo rappresenta il massimo dal punto di vista della produttività e della crescita professionale dei singoli, perché si possono sommare ed integrare le esperienze di tutti i componenti del team.

Non bisogna poi sottovalutare altri parametri come la disaffezione al lavoro che subentra inevitabilmente nel momento in cui l'ambiente non è soddisfacente dal punto di vista umano, come nel caso ipotizzato di robotizzazione. La disaffezione comporta perdite notevolissime di produttività sia dal punto di vista efficienza che rendimento. Può manifestarsi un notevole grado di assenteismo anche legato alla presenza fisica sul posto di lavoro. Pertanto sociologi e psicologi devono costituire una parte importante della struttura in cui si opera , per rendere i rapporti di lavoro, oltre che caratterizzati da una sana competizione , qualcosa di gratificante dal punto di vista umano, per i motivi che abbiamo illustrato in precedenza. Il lavoratore dipendente in generale deve essere prima di tutto valido sul piano umano, cioè deve avere una spiccata predisposizione alle relazioni sociali ed al lavoro in team e successivamente si possono prendere in considerazione gli aspetti professionali. Una sola persona può determinare la completa inaffidabilità di una struttura dal punto di vista umano con la conseguenza della mancata possibilità di creare un team efficiente. Quindi dovrebbe essere cura dei responsabili costituire team affidabili. Con l'aiuto di persone esperte in sociologia e psicologia, provenienti anche dal campo sindacale per evitare diatribe, si possono formare team affiatati fino a rendere piacevole l'attività lavorativa. Il che ovviamente è difficile e complesso per una serie di fattori umani legati alla scelta delle persone, ma anche alla corretta attribuzione delle responsabilità. Comunque la creazione di gruppi di lavoro veramente efficienti va posta come obiettivo primario nelle aziende che vogliono imporsi.

Queste considerazioni fanno sì che la scelta dei capi e dei dirigenti e delle loro competenze  debba essere effettuata con le dovute considerazioni e con estrema oculatezza, poiché tale scelta coinvolge pesantemente la qualità della vita dei dipendenti e le sorti delle Aziende.

In conclusione si riporta un brano tratto dal testo Seduzione. L'arte di farsi amare di Giacomo DACQUINO   in cui si evidenziano le caratteristiche peculiari di una persona adatta a svolgere il ruolo di manager.

- Un bravo manager trasmette fiducia ai collaboratori, ne valorizza le capacità, soprattutto insegna loro a convivere e condividere, sa creare un clima di competizione sul mercato, ma non all'interno dell'azienda. Deve avere autorevolezza, intuizione, carisma, essere aperto alle innovazioni e all'altezza di gestirle. Un tale ruolo rivela un Io sicuro, forte, buona consapevolezza di sé stessi e capacità di comunicazione, non autoritarismo repressivo e coercitivo. In particolare il concetto di leadership si associa a quello di empowerment, cioè la capacità di rendere gli altri in grado di esercitare un potere su sé stessi e sulle circostanze ambientali. In una società della tolleranza, delle pari opportunità, delle molteplici espressioni, il leader più efficace riesce ad armonizzare gli scopi individuali con quelli collettivi -.

Antonio ALBINO