Home Utilità Curiosità Tra il rumore e la fretta raccontati
Tra il rumore e la fretta raccontati PDF Stampa
Utilità - Curiosità
di Roberta PATI

“Passa tranquillamente tra il rumore e la fretta , e ricorda quanta pace può esserci nel silenzio; finché è possibile senza doversi abbassare, sii in buoni rapporti con tutte le persone, dì la verità con calma e chiarezza; e ascolta gli altri, anche i noiosi e gli ignoranti anche loro hanno una storia da raccontare…….”. “Sii te stesso”.(epitaffio della chiesa di San Paolo Baltimora datata 1692)
Ho cercato di prendere alcuni dei numerosi punti salienti di questa lettera, molto profonda. Saper ascoltare gli altri credo che sia alla base dei rapporti umani, affettivi, lavorativi. Oggi, nella nostra società manca proprio la capacità nelle relazioni umane di ascoltarsi reciprocamente, non solo tra gli amici, tra i colleghi, ma anche e soprattutto manca un dialogo uno scambio di idee e una condivisione di pensieri tra i familiari,tra genitori e figli, tra moglie e marito. Corriamo, corriamo, siamo impegnati ad inseguire i nostri obiettivi, a seguire le nostre personali idee. Ascoltare qualcuno è uno sforzo d’interessi, di concentrazione, d’attenzione. Ascoltare qualcuno non vorrà dire giudicarlo o sovrapporre le nostre idee, le nostre a volte inutili parole. Cammino e capisco pensando com’è il mondo, com’è fatta la nostra società, come siamo fatti noi esseri umani. Se solo ci fermassimo un istante ad ascoltare, a rivolgere la parola al nostro amico o parente più prossimo, l’ignoranza non né formerebbe automaticamente dell’altra, la disattenzione che prestiamo nell’altro non genererebbe un impoverimento affettivo, relazionale. L’ascolto è la prima espressione dell’amore. L’inizio del voler bene a qualcuno sta nell’imparare ad ascoltarlo; l’ascolto può guarire una persona, l’ascolto può toglierci dall’indifferenza, dal silenzio “che scruta”.

Roberta Pati