Home Utilità Punti di vista Il presidente Trump e le sindromi
Il presidente Trump e le sindromi PDF Stampa
Utilità - Punti di vista

Una domanda che ci si puo` fare e`: come mai il presidente Trump ha perso solamente una piccola percentuale del suo elettorato dopo aver introdotto leggi che danneggiano soprattuto quei ceti piu` bassi della societa` che sono i suoi maggiori sostenitori? Per capire questo fenomeno bisogna andare negli Stati Uniti d' America del Sud dell' ottocento. Negli Stati del Sud, in questo periodo, non esisteva una scuola pubblica e solamente gli strati piu` influenti della societa` venivano educati da istituzioni private. Le famiglie piu` influenti, possedenti di schiavi, erano al massimo il 10% della popolazione. Il resto dei bianchi erano per lo piu` lavoratori dipendenti. La ragione di questa situazione era ovviamente costituita dal fatto che gli schiavi erano molto costosi e solamente i grandi proprietari terrieri potevano comprarli. In questo periodo gli schiavi rappresentavano circa il 65 % di tutta la ricchezza del Sud e proprio qui era vigente il cosi` detto Grand Old Plantation system, in cui i bianchi della classe povera venivano ad adulare i ricchi possedenti delle piantagioni per cui lavoravano. Nella loro ignoranza, questa classe cresciuta senza alcuna educazione, si sentiva completamente persa quando doveva contare su un proprio modo di pensare e per questo motivo era completamente abituata nel vedere i propri padroni, con i loro chiaro saper fare, come l'unico punto di riferimento da seguire in tutte le circostanze. Un esempio di questa fedelta` assoluta ai loro padroni fu la guerra civile (1861-1865) a cui tutti i bianchi del sud, con moltissime perdite, parteciparono anche se la grande maggioranza non aveva alcun interesse finanziaro per opporsi alla liberazione degli schiavi neri. Purtroppo questo modo di pensare feudale e` ancora esistente negli stati del Sud e questa potrebbe essere una delle sindromi che continuano ad aiutare il presidente Trump.
Un' altra sindrome puo` essere la cosi` detta "Sindrome di Stoccolma". Il nome e` derivato da un furto in una banca che avvenne nel 1973 appunto a Stoccolma. Questo nome fu coniato quando gli ostaggi presi durante la rapina si rifiutarono di testimoniare contro i loro rapitori. La sindrome si presenta quando gli ostaggi sviluppano sentimenti positivi verso i loro rapitori. Il tutto avviene se gli ostaggi si convincono di avere in comune con gli aggressori gli stessi valori umani e per questo motivo cessano di percepire gli aggressori come una minaccia alla loro esistenza. Nel nostro caso il truffatore Trump, pur commettendo dei crimini in continuazione, sarebbe immune dalle critiche di soggetti afflitti da questa sindrome.
Per finire si puo` dire che, in genere, la gente non ammette facilmente di aver commesso un errore dopo aver preso una certa decisione. Non vogliono ammettere che Il votare per il presidente Trump, sia stato uno sbaglio disastroso e preferiscono aspettare che miracolosamente le cose comincino ad andare verso il meglio. Questa e` una sindrome di cui noi tutti siamo a conoscenza.

 

Marcello VENEZIANO