Home Benessere Sonetti di Leo
Sonetti di Leo
Porta Pia PDF Stampa
Benessere - Sonetti di Leo

 

Pe chiaritte npo’ la storia

T’arizzollo la memoria

Tanti lutti, tanto male

Pe fa Roma capitale

A figura del buon Dio

Ci avevamo Papa Pio

A sta festa sempre attesa

Nun se vide mai la chiesa

Mo pe fasse perdonare

Ce viè anche ncardinale

Rimanemo stralunati

Vorrei sapè chi l’ha nvitati

Qua la storia npò s’entreccia

Su sta presa de la breccia

Li preti stanno sempre dentro

Resta fora er monumento

A sto poro bersajere

L’amo preso per sedere.

 

LEO

 
Gesù marino PDF Stampa
Benessere - Sonetti di Leo

Gesù Cristo sull’artare

L’affondarono ner mare

Pe protegge i naviganti

I pescatori e li bagnanti

Poi pregallo in apnea

Se nun c’è l’arta marea

Poi pregallo anche d’inverno

Se nun voi rischià l’inferno

Cor vento de ponente

Così pensa er miscredente

Nun te vede e nun te sente

 

LEO

 
Venuti dall'oliente (sonetto in dialetto lomanesco) PDF Stampa
Benessere - Sonetti di Leo
Pule se non ho il pechinese
Sta cosa voglio dilvela in cinese
Plima uno, poi due gialli
Non liesci più a contalli
Piccolini, gialli, npo’ bluttini
So venuti a Loma co li legazzini
Solo ciucciali' è assai calina
Npo' meno la solellina
Ste legazze assai pulite
Nfanno altlo che sollide Magle senza culo e senza tette
Folse magnano omelette
Va' a capi' se con il liso
Poi campa' con il solliso
Con gelato, pale flitto
Pe avele tutto dlitto
A me fanno un poco pena
Chissà che magnano pe cena
Solidenti boni boni
Non te lompeno i malloni
Fatto sta è na stlanezza
Non li vedi mai co la monnezza
Tutti uguali ho notato
Nse capisce quanno è nato
Non me pale n'implessione
Già sta qui mezza nazione
Al melcato è tutto dile
Venneno la lobba a poche lile
Così è palese
Te se complano il paese
Là, se fuma pule l'oppio
Che te sola e vedi doppio
Se continua sta situazione
Cambiamo nome alla nazione
Via Italia. Che sta a fa'
Olmai so' più della metà
Li lomani già da qualche mese
Pallano mezzo cantonese
Qualcuno npo’ più fino
Palla la lingua de Pechino
Pe lolo è na cuccagna
Qua se beve e pule se magna
Non ce plova' manco a imitallo
Questo folse è il pelicolo giallo
Scancella dall'Italia tutto Tolino
Sono quasi tutti del Tonchino
Ste cose pe sapelle
Qualcuno deve laccontalle
Ora però ce rompeno le balle


Leo Ping (sclittole de sonetti a tempo pelso)
 
Eden (sonetto in romanesco) PDF Stampa
Benessere - Sonetti di Leo

Posso dì d’esse beato

Mentro sonnecchio sopra er prato

Nun me frega gnente

De striscià, d’esse ‘n serpente

Ogni tanto faccio no spuntino

Pe nun vedella brutta ‘nchiedo mai la frutta

Du amici mia,

Con cui vivo in compagnia

Sentita la mia lamentela

Me propongono na mela

Na mela!!

Nun se po’ amico mio

Nun voio rischià l’ira de Dio

Artro nun c’è, ve parrà strano

Nc’è npero né nbanano

Basta co ste lamentele

Pure nell’Eden so tutte mele

 

LEO ( scrittore di sonetti a tempo perso)

 
Er re de la foresta PDF Stampa
Benessere - Sonetti di Leo
Dice che lui de la foresta e' er re
Re de che', se sempre solo sta'
Finche' gne scappa de tromba'
Le moji sole se ne stanno
Perche' coi fij, a lui nun ce lo vonno
La leonessa pe magna'
Er toro, sola, je tocca d'attacca'
Doppo magnato lei e li leoncini
Ce so rimasti solo l'ossicini Lui che manco s'e' lavato
Cor capoccione sempre piu' arruffato
Vede da lontano l'ossi e penza
Che je' tocca magna' questi, pe la sopravvivenza
Sta sempre npo ngrugnato
E penza: sto re chi l'ha nventato
Penza che nvece de sbrana' li leoncini
Farebbe mejo a fa npo de quatrini
Co questi poi comprasse
Armeno er sapone pe lavasse
Potrebbe anna' ntrattoria
Senza, che pe la puzza, nessuno scappi via
Finita e' la cuccagna
Se er re nlavora, manco magna

                    LEO
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 3